Blog

Ansiolitici Naturali: i 10 integratori più potenti

Ansiolitici Naturali: i 10 integratori più potenti

Sei un tipo ansioso? Beh, difficile non esserlo coi tempi che corrono e  con i ritmi frenetici a cui siamo continuamente sottoposti. Per fortuna che la natura accorre in aiuto con una serie di ansiolitici naturali. Ne vogliamo parlare? 

Chiariamo: cosa sono gli ansiolitici naturali? 

La parola stessa “naturali” rivela che l’origine di queste sostanze non è sintetica, ma le attività che esercitano sull’organismo sono calmanti e sedative, dunque efficaci. Accade spesso che queste sostanze siano presenti dentro integratori alimentari che si possono comprare senza prescrizione del medico di famiglia, però è sempre bene chiedere consiglio a lui se si decide di assumerli, perché certamente saprà consigliare quelli che fanno maggiormente al caso nostro. C’è da dire anche che gli ansiolitici naturali sono indicati per una serie di disturbi d’ansia, ma non per i casi più gravi, che invece vanno trattati con cure farmacologiche specifiche. 

Quali ansiolitici naturali acquistare in farmacia o in erboristeria?

  1. Biancospino

Il biancospino (nome scientifico: Crataegus oxyacantha) è utilizzato per le sue proprietà ansiolitiche già nell’antichità. Sono le antocianidine contenute nella pianta ad essere impreziosite di tali proprietà, insieme ai flavonoidi.

Hai disturbi del sonno perchè sei stressato? Il biancospino è ciò che fa per te! Cercalo all’interno degli integratori alimentari, di solito associato anche ad altre piante con proprietà simili.

  1. Teanina 

Per i momenti di panico che necessitano di un’azione sedativa potente e istantanea, la Teanina è particolarmente indicata, perché è annoverata tra gli ansiolitici naturali più potenti. Sono molteplici gli studi che mostrano la sua proprietà di forte rilassamento (senza sedazione, ovviamente). L’effetto inizia quasi subito, circa una mezz’ora dopo l’assunzione e dura un’intera ora. 

  1. GABA (acido gamma amminobutirrico)

L’acido gamma amminobutirrico è il principale neurotrasmettitore inibitorio del cervello. Ovvero, blocca la trasmissione dei segnali nelle terminazioni nervose. In questo modo, svolge un’azione miorilassante nei momenti di spasmo, assumendo un ruolo di alleato contro l’ansia e sedativo naturale già presente all’interno del cervello. 

  1. Passiflora incarnata

Usata già da tempo in fitoterapia, ha proprietà calmanti, sedative e ansiolitiche per i disturbi della sfera nervosa. È dunque particolarmente indicata per chi soffre di insonnia perché favorisce un sonno fisiologico. Con la passiflora puoi dire finalmente addio ai fastidiosi e continui risvegli notturni!                                                            

  1. L-Triptofano

Si tratta di un aminoacido essenziale, precursore della serotonina, che ha un ruolo nella modulazione dell’umore, e della melatonina, che aiuta a regolare i cicli del sonno. Se soffri di insonnia, probabilmente è per via di livelli insufficienti di triptofano. Non è raro che questo sia anche causa di stati depressivi, irritabilità, aggressività o altre problematiche legate all’umore. Integrarlo con l’alimentazione o con integratori appositi è quindi senz’altro utile a ripristinare tutti quei meccanismi fisiologici che vanno a regolare sia la capacità di dormire adeguatamente, sia una certa stabilità dell’umore. 

  1. Olio di Pesce

Anche l’olio di pesce ricco in omega 3  ha la capacità di ridurre l’ansia, nello specifico in una percentuale di circa il 20% per 2.5gr. somministrati. 

  1. Maca Peruviana

Non è raro che le donne in menopausa soffrano di ansia. Somministrata a questa tipologia di soggetto, la maca peruviana risulta essere uno dei rimedi naturali in grado di ridurre particolarmente il disturbo. La curiosità è che, mentre questa azione sedativa sulle donne in menopausa è stata effettivamente riscontrata da una serie di studi, questi hanno però accertato che su soggetti più giovani la maca peruviana non sortisce gli stessi effetti.  

  1. Escolzia

Studi clinici dimostrano gli effetti benefici dell’escolzia sull’ addormentamento e per la riduzione dei risvegli notturni. L’escolzia va ad agire direttamente sul sistema nervoso centrale, riducendo l’attività delle cellule della corteccia cerebrale e favorendo un rilassamento muscolare, con un effetto benefico sul sonno senza alcun tipo di stordimento al risveglio. Prendila prima di dormire e ti sveglierai fresco come una rosa! Questa azione potente si deve agli alcaloidi benzilisochinolinici e benzofenantridinici, di cui la protopina è il principale. Più potente nelle donne che negli uomini, ha anche un’azione antidolorifica.

  1. Scutellaria Baicalensis

Oltre ad avere proprietà antibatteriche, antivirali, antiossidanti, antitumorali, protettive del fegato e neuroprotettive, questa pianta officinale sembra anche avere il potere di alleviare la sindrome ansiosa. È quanto afferma uno studio scientifico dal titolo “Phytochemical and biological analysis of Skullcap (Scutellaria lateriflora L.): A medicinal plant with anxiolytic properties” (“Analisi fitochimica e biologica della Scutellaria lateriflora L.: una pianta officinale dalle proprietà ansiolitiche”). 

  1. Rhodiola Rosea

Questo vegetale può alzare di circa il 30%, i livelli di serotonina nel Snc, ormone sedativo ed anti-ansiogeno che, aumentando i livelli di dopamina, può fermare anche il desiderio di assumere carboidrati. La rhodiola aiuta ad aumentare la concentrazione plasmatica di beta endorfine, che sono fondamentali per contrastare quegli sbalzi ormonali indicativi dello stress. 

Controindicazioni, effetti collaterali e precauzioni d’uso

Meglio fare attenzione agli integratori ansiolitici naturali se si è allergici ai singoli estratti vegetale. Non sono molto consigliati per i bambini, e nemmeno se si è in gravidanza (nel primo trimestre soprattutto) o se si soffre di malattie epatiche. Inoltre, possono interagire anche con i farmaci barbiturici, anticoagulanti orali, altri antidepressivi. Se sei curioso di sapere quali sono gli effetti indesiderati, sappi che possono provocare  sonnolenza, emicrania, disturbi gastrointestinali. A volte anche sensibilità alla luce o vertigini. Tuttavia, se soffri di ansia possono rivelarsi davvero un valido aiuto. Chiedi al medico e buon relax!